Home

Perché Renzi può permettersi di barare e mentire impunemente? Ovviamente perché sa che confusione e sfiducia convengono ai poteri forti, in particolare stranieri (per esempio gli Elkann), e che dunque potrà contare sull’appoggio incondizionato di giornali e telegiornali, oltre che della destra trumpista (utile agli Elkann per impedire che i tanti italiani nazionalisti solo a livello retorico possano indisporsi). Ma c’è un altro motivo: è certo che in piena epidemia (durerà ancora molti mesi, non fatevi illusioni, e la convalescenza sarà ancora più lunga) alle elezioni anticipate non ci si può andare e che Mattarella, ragionevolmente, farà di tutto per impedirle. E se proprio ci si andasse, il partito di governo che le avesse imposte (o al quale i giornali degli Elkann ne avessero attribuito la colpa) sarebbe fatto a pezzi, prima dai media (inclusi quelli che adesso le chiedono) e poi dagli elettori (inclusi quelli che adesso le vogliono).
Per cui finitela con la politica aperta e ingenua a cui vi siete convertiti da qualche decennio: la mitica trasparenza che ha folgorato la sinistra l’hanno inventata i liberisti proprio per rendere inefficace qualsiasi azione contro di loro e ci siete cascati – un po’ come se in passato cospiratori e anarchici si fossero lasciati convincere dai tiranni a dare notizia delle loro congiure alla polizia e a comunicare con sufficiente preavviso luogo e ora dei loro attentati. Diceva il grande filosofo e generale Sun Tzu: “Tutti possono vedere la mie tattiche, nessuno può conoscere la mia strategia”. Ecco, non confondete le due cose: ciò che dite e che fate capire agli avversari e alla gente deve avere uno scopo tattico, dunque di effetto immediato; e non necessariamente deve essere la verità, anzi meglio che non lo sia; ancora Sun Tzu: “La guerra si fonda sugli strattagemmi e sull’inganno”; e dunque se sei vicino devi fingerti lontano, se sei pronto devi fingerti incerto, a incoraggiare l’arroganza del nemico per attirarlo in una trappola. Tanto è sui fini, ossia sui risultati finali che si viene giudicati e che è giusto che si sia giudicati. Ma i fini vanno esplicitati solo quando a portata di mano; nel frattempo, per far capire da che parte si sta, meglio servirsi di grandi e generici ideali – di un’ideologia.
Detesto Renzi, da sempre. Fosse per me, lo avrei già anni fa invitato a Senigallia con una scusa qualsiasi (tipo un discorso con gettone di presenza di 80mila euro) e fatto strangolare, come a suo tempo Oliverotto, Vitelli e gli Orsini dal Duca Valentino. Strangolare metaforicamente, è chiaro; i tempi sono cambiati e non c’è davvero bisogno di una violenza così cruda: ma di astuzia, di un’assoluta mancanza di scrupoli e di una ferrea determinazione, altroché se ce n’è bisogno (anche a evitare che si precipiti di nuovo nella violenza cruda). Figuriamoci se non sarei d’accordo a rifiutare qualsiasi dialogo con Renzi: per rappresaglia dopo il suo tradimento ma anche per prudenza, visto che tradirà di nuovo. Tuttavia la sua marginalizzazione ed eliminazione deve essere condotta con scaltrezza e cinismo, non con idealistica impetuosità; dunque tessendo nell’ombra trame che lo indeboliscano, anche presso i suoi finanziatori e protettori, facendo loro credere (e qualcosa bisognerà dare, almeno all’inizio) che avrebbero più da guadagnare o meno da perdere se lo scaricassero. E non appena fosse vulnerabile, va annientato, senza farsi impietosire dai suoi prevedibili pentimenti e professioni di umiltà; dopo di che, e solo allora, si potrà passare al prossimo ostacolo e al prossimo avversario (inclusi i suoi ex finanziatori e protettori). La fronda, insomma, deve operare nell’ombra e senza fretta ma implacabilmente.
Sono dubbioso invece sull’utilità di veti espliciti e soprattutto preventivi, benché psicologicamente gratificanti. Sarebbero una tattica o una strategia? Convengono politicamente? Magari sì ma solo in quel caso vanno perseguiti. Perché riconoscere i limiti contingenti della propria forza (quasi sempre dovuti a errori passati che non vanno in nessun caso ripetuti) per guadagnare tempo mentre ci si tempra e organizza in modo da poter poi colpire in condizioni vantaggiose – e a patto che si usi quel tempo per temprarsi e organizzarsi e che appena possibile si colpisca senza pietà – non è una resa: al contrario, è l’unica strada che porta alla vittoria. Un’ultima massima di Sun Tzu: “Con l’ordine controlla il disordine, con la calma controlla l’irruenza: questa è l’arte di padroneggiare la mente”. E di fare politica.