Home

Ricordo che quando alcuni anni fa (neanche troppi, tre o quattro, eppure sembrano un’era geologica) cominciai a segnalare i crescenti indizi di americanizzazione del paese e la brusca accelerazione che al processo aveva dato il Pd renziano, in molti mi accusarono di allarmismo ingiustificato: certe cose in Italia non accadranno mai, dicevano. Per esempio il precariato e la mobilità obbligatorie, i licenziamenti facili, il lavoro a cottimo, la sanità e scuola a pagamento, la privatizzazione del settore pubblico e la svendita agli stranieri del made in Italy. Invece sono accadute. Adesso inizia l’epoca del 24/7, dei negozi e servizi aperti a tutte le ore e tutti i giorni, feste comandate comprese, come negli Stati Uniti. L’effetto non sarà soltanto quello di affossare ulteriormente il piccolo commercio e le imprese familiari, che non possono competere con questi ritmi; il vero obiettivo è sfasciare le comunità e indebolire la solidarietà sociale eliminando tutte le occasioni di vita collettiva, tutte le manifestazioni di appartenenza, promuovendo pratiche individualiste, asociali, di nicchia, con un consumismo compulsivo come unico elemento di aggregazione. Pieno sostegno ai lavoratori che protestano contro l’apertura dell’Orio Center a Natale e Capodanno. E sostegno anticipato e incondizionato anche a chi proponesse di mettere fuori legge l’Orio Center e tutte le americanate di quel tipo.

Advertisements