Home

A quanto vedo chi usa Uber non ha intenzione di rinunciarci perche è comodo. Ovvio che sia comodo: se no Goldman Sachs mica ci investiva milioni di dollari. Il punto non è se sia comodo: è cosa comporta a livello di occupazione e di coesione sociale: in una parola, molto poco di moda, a livello morale. Anche andare al supermercato la notte di Natale o in una qualsiasi domenica mattina alle cinque perché ti eri scordato di comprare il caffè, è comodo: basta non pensare che le catene sempre aperte uccidono il piccolo commercio, che non può reggere quei ritmi; e che il piccolo commercio e le piccole imprese sono milioni di posti di lavoro, milioni di famiglie. Anche avere un medico che in vacanza ci va al massimo per una settimana, come in America, è comodo: perché se hai bisogno di un appuntamento lo hai sempre in tempi brevi. Ovviamente un medico così lo paghi di conseguenza e un sistema assistenziale pubblico non potrebbe permetterselo. Per non dire dell’iPhone: è un culto, impossibile criticarlo; chi ce l’ha neppure vuole saperlo che è anche grazie al suo conformismo che la Apple è una corporation più ricca e potente di molte nazioni e ne decide le politiche, e può così non pagare un’adeguata percentuale di tasse diventando ancora più ricca e potente a scapito degli Stati.
È evidente che tante persone ormai si identificano primariamente con la loro condizione di consumatori, non di lavoratori e cittadini, e solo come consumatori pretendono il rispetto dei loro diritti, anche a costo di perderli come lavoratori e cittadini. Liberisti perfetti, non lo dico come insulto, come constatazione. Per ottenere quello che in pochi anni stiamo gettando via le generazioni precedenti dovettero combattere duramente, strappando al grande capitale condizioni umane di lavoro, sicurezza sociale, democrazia. Molti persero il posto a causa degli scioperi o delle occupazioni, e perdere il posto significava, letteralmente, fare la fame. Ma niente viene dato se non si è disposti a lottare per ottenerlo, e tutto viene tolto se non si è disposti a lottare per conservarlo.
Sono d’accordo, però: lottare non è comodo, per i diritti o anche per un sistema più equo e efficiente, o semplicemente per delle regole. Molto più comodo lasciare che pensino a tutto il libero mercato e Wall Street e sperare di essere fra quelli che beneficiano del nuovo schiavismo e non fra gli schiavi.